Un solo numero per indirizzarvi allo Specialista più adatto. Sempre reperibile: 346 5156579

Via Roma 62, Crevalcore (BO) Vedi Mappa

Gen 31

Non riesco a diventare Mamma- Storia

Sono Monica ed ho 38 anni, sono sposata da 9 anni e non ho figli.
“Fino ai 30 anni non ho mai sentito il desiderio di essere mamma anzi, ho puntato molto sul mio lavoro e le amiche che rimanevano incinte mi davano la sensazione di essere state vincolate, fermate nel loro viaggio verso l’indipendenza e la libertà dell’improvvisazione.
Con il tempo, piano piano, è cresciuto in me un desiderio (forse dovuto agli ormoni non lo so) e a 32 anni abbiamo deciso di diventare genitori… ingenuamente pensavo che il momento della decisione coincidesse con l’avvio di una gravidanza e invece no…

Passano gli anni, continuiamo a provarci sempre, quasi con rabbia e sfida nei confronti di noi stessi. Ci siamo rivolti a più Centri di fertilità, fatti esami ma non è risultato nulla di anomalo se non che la mia età stava avanzando un po’ troppo per fare il primo figlio.

Iniziamo a transitare per i reparti di “infertilità”, a raccogliere informazioni sui metodi e sulle leggi, un mondo a parte che ignoravo fino a poco tempo fa.
Facciamo l’inseminazione poi una fecondazione ma nulla.
Come mi sentivo dopo l’ennesima mestruazione non voluta? Una fallita. Avevo identificato nella gravidanza tutta me stessa. Se non riuscivo in quello non riuscivo in nulla.
Intorno a me, la mia mente in modo subdolo, mi faceva notare solo pancioni e bambini. Le amiche mi dicevano che dovevo solo rilassarmi e smetterla di pensarci, come se fosse una cosa semplice, ero ormai dipendente dal pensiero di aspettare un figlio.
Qualcuna mi diceva pure, nei momenti di crisi, che ero fortunata perché i figli sono una grande responsabilità e un impegno e che io invece potevo godermi la vita come e quando volevo. Le stesse persone poi, quando si usciva in compagnia (poche volte), non parlavano d’altro dei progressi dei loro bambini con aria soddisfatta e compiacente ed io mi sentivo sempre più alienata.
Non ho fatto una psicoterapia per uscire da questo loop ma una serie di colloqui che mi hanno guidata fuori dal mio “rimuginio”, dal pensiero fisso, dall’ansia da prestazione e dalla identificazione di me stessa in questa “impresa”. “

Cosa puoi fare

Specialmente nei casi in cui l’infertilità è idiopatica ossia di origine sconosciuta (non succede e basta) la mente esercita sul corpo un reale potere. La distensione, il mollare la presa e il riuscire davvero a non pensarci in modo compulsivo

gravidanza desiderata infertilità

Missione: Diventare Genitori

a volte danno l’opportunità di avverare quel desiderio.
Se non capita, se non può capitare, se non si diventa genitori pur desiderandolo, se passa l’età massima, il processo di accettazione della situazione e della consapevolezza deve fare il suo corso. Se questo processo crea disagio e difficoltà, chiedere aiuto è possibile e doveroso per continuare a vivere a pieno la propria vita individuale e di coppia.
Può accadere che queste difficoltà vadano a minare la relazione di coppia, anche in questo caso il supporto psicologico può guidare verso la stabilizzazione degli equilibri.